Benessere Psicofisico

healthy-780x780Cosa vuol dire Benessere?

Il significato di questa parola si è evoluto nel corso degli anni, passando dal concetto di “stare bene” inteso come stato di salute, fino a racchiudere un insieme di significati diversi che confluiscono in un unico senso fondamentale della nostra vita: “dedicare tempo al proprio corpo per soddisfare e raggiungere un benessere completo legato al monto interiore oltre che esteriore.”

Dal punto di vista nutrizionale è importante specificare che ogni individuo ha le sue peculiarità da dover considerare e approfondire attraverso un’anamnesi dettagliata con un professionista di fiducia e soprattutto esperto del settore. Lo stile di vita, lo sport, il lavoro, le abitudini, i valori e i gusti sono tutti parametri specifici da analizzare in maniera esclusiva per comprendere e successivamente calcolare il metabolismo basale e l’annesso dispendio energetico individuale.

Ottenuto un valore numerico, espresso in chilocalorie, si suddivide il totale giornaliero per i cinque pasti quotidiani, considerando il corretto apporto di nutrienti in equilibrio tra loro come previsto dai LARN (Livelli di Assunzione e di Riferimento di Nutrienti).

Il principio è uguale per tutti, che si tratti di un individuo sano e/o con patologie di vario genere (es. diabete, obesità, dislipidemie, cardiopatia, colite, etc..), uno sportivo amatoriale o agonistico, un vegetariano o vegano, un soggetto con intolleranze o allergie alimentari, una donna in gravidanza o allattamento, un bambino nelle fasi evolutive o un anziano, e si riassumere in questi passaggi:
– valutare l’unicità del soggetto con il calcolo del BMI (indice di massa corporea)
– elaborare un piano dietetico personalizzato (inteso come sana alimentazione)
– alternare l’introito di micro e macronutrienti affinchè risultino in equilibrio tra loro
– utilizzare integratori di vario genere (es. sali minerali, ferro, etc..) solo ed esclusivamente in casi eccezionali e a seguito di prescrizione medica, restando sotto costante monitoraggio

La “dieta mediterranea” è assolutamente in grado di assolvere in autonomia alle funzioni richieste dall’organismo, garantendo il giusto apporto energetico individuale e mirato.

L’alimentazione invece, non può bastare per garantire da sola uno stato di benessere completo; è infatti inscindibile il rapporto con lo sport. Movimento e corretta alimentazione rappresentano un connubio perfetto per l’organismo, in grado di stimolare la circolazione e il metabolismo attraverso l’attività fisica, eliminando tossine e massa grassa superflua e lasciando spazio alla massa magra, alla tonificazione muscolare e, perchè no, anche al miglioramento dell’aspetto estetico.
Inoltre, l’attività fisica, oltre a stimolare il sistema simpatico (attraverso l’aumento dell’attività cardiaca), agisce sulla respirazione aumentando la dilatazione bronchiale, determina il rilascio di glucosio (zucchero) dal fegato nel sangue, assicurando un apporto nutritivo delle cellule muscolari durante attività prolungate, aumenta la produzione dell’ormone noradrenalina che permette l’attivazione di reazioni chimiche cellulari portando ad un aumento della temperatura corporea, un aumento del metabolismo delle cellule nervose e conseguentemente un miglioramento dell’attività mentale. Le strette connessioni tra il sistema nervoso centrale e il sistema nervoso autonomo, portano a vivere situazioni negative nello sport (stress, paura, ansia da prestazione, etc..) con aumento del sistema simpatico e viceversa, situazioni vissute come positive (estasi, piacere fisico, musica, etc..) stimolano il sistema parasimpatico, determinando una diminuzione della frequenza cardiaca, della temperatura corporea e un rilassamento muscolare.

Tutto questo apre la porta ad una visione profonda della sfera psicologica di ogni essere umano, in cui emozioni e stati psichici sono strettamente correlati e influenti sull’attivazione organica, sulla capacità di prestazione e senso di benessere.

Concludendo, possiamo riassumere i tre punti cardine del “benessere psicofisico“:
– atteggiamento mentale e psicologico positivo nell’affrontare un nuovo percorso riguardante qualunque aspetto della vita quotidiana e personale
– regime alimentare corretto e personalizzato per garantire un funzionamento organico protratto nel tempo, prevenendo importanti patologie
– attività fisica costante e coerente alle esigenze e alle attitudini individuali

Tre semplici passi che percorsi regolarmente portano ad un cammino di vita armonioso e completo in grado di agire positivamente sull’aspetto esteriore e interiore, migliorare la quotidianità e le aspettative future sotto ogni punto di vista, con qualità e unicità.