Ok

Informativa sui cookie: questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie necessari al funzionamento ed utili alle finalità illustrate nella Informativa sulla Privacy. Cliccando su "Ok", scorrendo questa pagina, cliccando su un link o proseguendo la navigazione in altra maniera, acconsenti all’uso dei cookie.

Contatti

Centro DALIA
Via Sant'Apollinare, 8/A
40017 - San Giovanni in Persiceto (BO)

Telefono: 051 19989585
E-mail: info@centrodalia.it
Sito web: www.centrodalia.it

Scrivici un messaggio

Prenota un appuntamento o richiedi informazioni

Nome:


E-mail:


Messaggio:


ESAMI SPECIALISTICI

Evidenziare comportamenti e abitudini non propriamente corrette permette di intervenire, dove necessario, con programmi e protocolli personalizzati.

Il Centro DALIA offre le più moderne ed efficaci metodiche disponibili in grado di fornire informazioni specifiche per ottenere un quadro completo in merito a: parametri metabolici, della composizione corporea, della presenza di eventuali intolleranze e/o allergie e la possibile predisposizione genetica per alcune patologie.

Lo studio multidisciplinare Centro DALIA propone i seguenti esami:

Bioimpedenziometro Akern BIA 101 Vettore BIA
La BIA che viene effettuata presso il Centro DALIA con lo strumento Akern BIA 101 è di tipo vettoriale utilizzata dagli sportivi professionisti perchè è la più precisa. La BIA è un'indagine molto diffusa e valida, se eseguita da professionisti del settore, che fornisce informazioni tali da poter stimare precisamente il fabbisogno basale di un soggetto con conseguente definizione dello stato nutrizionale e peso ideale. Inoltre permette di studiare e prevenire la predisposizione degli organismi a patologie cardiovascolari, muscolari, scheletriche e metaboliche.

I parametri rilevabili sono:

  • ACQUA CORPOREA TOTALE (intracellulare ed extracellulare)
  • MASSA GRASSA
  • MASSA MAGRA
  • STATO ELETTROLITICO
  • IDRATAZIONE, ADIPOSITA' E MUSCOLARITA' DEGLI ARTI E DEL TRONCO
  • COMPONENTI METABOLICHE (stima della massa metabolicamente attiva)

Funzionamento della BIA:

Bioimpedenziometria

Esame con metodo indiretto, non invasivo, che permette di ottenere un'analisi qualitativa e quantitativa della Composizione Corporea. Si basa sul concetto di impedenza bioelettrica, ovvero "il rapporto tra l'ampiezza di un potenziale alternato e la conseguente ampiezza della corrente alternata in un conduttore biologico". La bioimpedenziometria misura l'impedenza offerta da un corpo al passaggio di una corrente elettrica alternata a bassa intensità (800µA) e frequenza fissata; i tessuti magri conducono la corrente fissata più¹ dei tessuti grassi giacchè contengono una maggior quantità di acqua ed elettroliti.

Il nostro patrimonio genetico è formato da sequenze di DNA chiamate geni, uguali per tutti gli individui per circa il 99,9%, esiste però uno 0,1% di differenza tra un soggetto e l’altro dovuta a piccolissime variazioni chiamate polimorfismi. La presenza di queste variabili spiega perché  non siamo tutti ugualmente predisposti verso determinate condizioni o perché non reagiamo tutti nello stesso modo a uguali stimoli ambientali. Grazie alla nutrigenetica è possibile definire la probabilità di sviluppare o meno una determinata patologia attraverso lo studio delle parti variabili del DNA e adottare di conseguenza tutte le strategie per prevenirla.

Tampone DNA

Il test del DNA consiste in un semplice prelievo di saliva e si effettua una sola volta nella vita perché il nostro DNA non cambia ed è semplice, veloce e indolore.
Il nostro centro è in grado di offrire tre diversi tipi di test genetici:

PANNELLO PREVENZIONE

Durante la nostra vita assumiamo tonnellate di cibo che ci forniscono energia ma anche informazioni genetiche che possono incidere sul nostro metabolismo, dando luogo alle malattie croniche degenerative tipiche del nostro secolo. Diabete, osteoporosi, infarto, ictus sono solo alcune delle patologie che derivano da uno stile di vita errato che nel tempo può favorire l’espressione di predisposizioni genetiche, le quali a loro volta alterano il nostro equilibrio cellulare danneggiando il nostro organismo. I test di nutrigenetica, scienza che studia l'interazione del nostro organismo con gli alimenti che consumiamo abitualmente, ci permettono di identificare quei cibi più affini alle nostre predisposizioni e quelli meno idonei o meno tollerati. Di conseguenza sarà sufficiente ridurre il consumo di questi ultimi a favore di quelli che soggettivamente compiono azione disintossicante o anti-infiammatoria per svolgere un'importante azione preventiva e riportare il nostro organismo ad una condizione di benessere e salute. Agendo sul nostro stile di vita e sulla nostra alimentazione sarà possibile evitare, ritardare e limitare l’espressione di una determinata patologia verso cui siamo geneticamente predisposti.
La conoscenza del nostro DNA può fornirci indicazioni indispensabili per prenderci cura del nostro corpo e di noi stessi e dare inizio ad un percorso di benessere e prevenzione che si prolungherà nel corso di tutta la nostra vita.

PANNELLO SPORT

Lo sport è fondamentale per mantenere il proprio stato di salute e benessere e aiuta anche ad evitare scelte sbagliate come l'abitudine all'alcool, al fumo e all'uso di droghe.
Per chi pratica sport, sia a livello agonistico che a livello amatoriale, è possibile elaborare un piano nutrizionale personalizzato e mirato non solo al miglioramento della prestazione sportiva, ma anche alla prevenzione delle principali patologie metaboliche e cronico-degenerative, fornendo indicazioni nutrizionali valide per tutta la vita. Oggi la nutrigenetica ci permette di conoscere gli alimenti che peggiorano lo stato fisico della persona e quelli che lo migliorano, così da poter elaborare un piano alimentare sulla base del proprio DNA e che consente un miglior rendimento fisico. Ciò permetterà di evitare il dannosissimo uso di sostanze in grado di aumentare artificialmente le prestazioni sportive. L'abuso prolungato di queste sostanze si può ripercuotere sull'umore, può provocare danni ai reni e al fegato. Riuscendo a migliorare le prestazioni sportive attraverso dei semplici test che permettono di prevenire determinate condizioni con un'alimentazione mirata, tenendo conto dell'adeguato introito proteico e prevenendo patologie renali a lungo termine, sarà possibile ridurre drasticamente l'uso di queste sostanze sempre più diffuse.

PANNELLO ANTI-INVECCHIAMENTO

Evidenze scientifiche dimostrano che applicando le giuste strategie nutrizionali, si può contrastare l'espressione di determinate mutazioni, in modo da minimizzare gli effetti nel lungo periodo. La genetica ci permette di capire se avremo un invecchiamento più o meno precoce della pelle, se vi è la predisposizione ad accumulare tessuto adiposo ed altre problematiche legate all'età. Con il passare degli anni, la nostra pelle va incontro a modificazioni cellulari e strutturali, infatti la cute, più di altri organi, risente dell'effetto del tempo. Mentre i segni dell'invecchiamento degli organi interni non sono visibili a occhio nudo, la cute permette invece di seguire visibilmente i segni evidenti del tempo che passa. Lo scopo di questo test è quello di fornire uno strumento necessario per monitorare diversi aspetti dell'invecchiamento della pelle e grazie a indicazioni nutrizionali personalizzate, fornire un supporto per contrastare gli effetti del tempo.
L'invecchiamento cutaneo è un fenomeno influenzato sia da fattori genetici che ambientali; tra questi fattori ambientali annoveriamo i raggi solari e l'alimentazione: un'esposizione alla luce solare che sia prolungata può dare l'avvio alla produzione di un eccesso di radicali liberi che possono causare l'invecchiamento precoce delle nostre e cellule e tessuti, interagendo con le molecole del nostro corpo. La relazione che intercorre tra nutrizione e invecchiamento è nota da tempo, ad esempio, la restrizione calorica e un'alimentazione ricca di sostanze antiossidanti riescono a contrastare la comparsa dei segni del tempo. Infatti, i nutrienti dei diversi alimenti sono in grado di accendere o spegnere specifiche sequenze del nostro DNA. Da queste considerazioni, nasce il progetto anti-invecchiamento, ossia contrastare e limitare la comparsa dei segni del tempo e mantenersi giovani più a lungo.

Microscopio La comunità scientifica e l'opinione pubblica dimostrano sempre maggior interesse per le patologie correlate alle reazioni avverse agli alimenti. Queste possono essere diagnosticate con facilità se i sintomi sono evidenti, oppure sono di difficile interpretazione se vi sono meccanismi più complessi alle base delle patologie. E' bene fare un po' di chiarezza tra allergie ed intolleranze alimentari: le prime si manifestano ogni qualvolta vengono diagnosticati anticorpi (IgE) nei confronti di alcuni alimenti, le seconde si manifestano tutte le volte che la risposta anomala ad un alimento o un additivo non coinvolge solamente il sistema immunitario. Per ogni individuo esistono determinate sostanze, anche insospettabili, che lo potrebbero intossicare; spesso si tratta di alimenti che la persona assume costantemente e possono quindi diventare incompatibili con l'organismo. Ingerendo questi alimenti si può verificare un fenomeno di reazione citotossica che coinvolge parte dei globuli bianchi; può provocare irritazioni e disturbi in intere aree del corpo, tessuti ed organi, andando ad aggravare sempre più la situazione innescando patologie latenti. Le intolleranze posso manifestarsi anche a distanza di 15-72 ore dall'ingestione dell'alimento responsabile e sono quindi ben diverse dalle allergie che si manifestano invece immediatamente dopo l'ingestione dell'alimento incriminato e possono portare addirittura a shock anafilattico. Le intolleranze possono provocare disturbi a carico di qualsiasi organo o apparato: sistema nervoso, apparato respiratorio, cardiocircolatorio, gastro-enterico, urogenitale, muscolo-scheletrico, epidermide, inestetismi (cellulite, sovrappeso, acne ecc.), sintomi generali ( stanchezza, ritenzione idrica, sonnolenza postprandiale, alitosi, ecc.). Il test citototossico è l'esame che permette di identificare gli alimenti responsabili delle intolleranze alimentari.

Vetrino

E' un test in vitro sul sangue dal quale si estrae il plasma arricchito di leucociti (globuli bianchi) ed una piccolissima quantità di eritrociti (globuli rossi); il mix leucocitario messo a contatto con gli antigeni (alimenti) può subire modificazioni morfologiche visibili al microscopio.
A seconda della gravità citotossica osservata, vengono valutati da 1 a 4 livelli di reazione, quindi il paziente dovrà eliminare dalla dieta quel determinato alimento da uno a sei mesi, a seconda della gravità di reazione, per poi reintrodurlo gradualmente attraverso un'alimentazione mirata e modificata di volta in volta con l'ausilio del professionista.

Newsletter

Per iscriverti alla nostra Newsletter fai click sul link di seguito:

Contatti

Centro DALIA
Via Sant'Apollinare, 8/A
40017 - San Giovanni in Persiceto (BO)

Telefono: 051 19989585
E-mail: info@centrodalia.it
Sito web: www.centrodalia.it

Scrivici un messaggio

Prenota un appuntamento o richiedi informazioni

Nome:


E-mail:


Messaggio: